Atteggiamenti e dichiarazioni “irricevibili”

Atteggiamenti e dichiarazioni “irricevibili”

Cara Maresa,

mi dispiace doverti contraddire anche perché quando sono stati fatti i danni al Circolo Rita Levi Montalcini tu non eri presente in quell’Amministrazione. Non eri presente nell’Amministrazione diventata morosa fino al punto di farsi staccare un’utenza.

Certo, dico morosa per euro 18.000,00 mai pagati. Forse non ci sarà un decreto ingiuntivo ma sicuramente potrebbe esserci una intimazione di pagamento o sollecito di pagamento a seguito dei quali, rimasti inevasi, la società ha provveduto al distacco dell’utenza. Ti ricordo che la convenzione tra ASL e Comune è scaduta da anni come pure quella tra Comune e Circolo. Questi sono i fatti.

Questi sono i danni a cui ora bisogna rimediare. Non li abbiamo fatti noi.. di chi è la colpa? Non lo vogliamo sentire perché lo sappiamo. In qualità di Consiglieri di minoranza, come da specifica richiesta, forse potevate invitarci a partecipare a quelle riunioni nelle sedi istituzionali per rendere veramente tali incontri come avvenuti “alla luce del sole”.

Siamo rimasti inascoltati e lasciati fuori da una questione di cui eravamo stati ufficialmente investiti nell’ambito dell’esercizio del nostro mandato sia da esplicita richiesta dei soci che dei lavoratori ed anche di qualche componente del vecchio direttivo. Richiesta girata al Sig. Sindaco con lettera regolarmente protocollata.

L’incontro doveva servire anche a valutare la possibilità di salvare quei posti di lavoro..

Quindi se per te democrazia vuol dire lasciare fuori dagli incontri istituzionali la minoranza, allora dobbiamo ancora lavorare tanto per riportare la vera Democrazia all’interno del nostro palazzo Comunale.

Non intendevamo mancare di rispetto a nessuno né tanto meno al nuovo direttivo che prontamente è uscito con un proprio comunicato a sostegno dell’attività di questa Amministrazione e di chi li ha portati a questo punto.

Con grande piacere leggo che, il nuovo direttivo, parla già di una nuova convenzione la quale vedrà il circolo come soggetto interessato al pagamento esclusivo delle utenze. Convenzione che, credo seppur non ancora sottoscritta, ha già avuto i suoi effetti negativi.

Ha provocato il licenziamento di una dipendente. Questo si voleva evitare e riportare il circolo al vero splendore nella correttezza di un nuovo affidamento in modo legittimo e duraturo. Nel nostro comunicato non abbiamo parlato di discorsi fatti e/o ascoltati al Bar ma abbiamo citato atti (delibere di Giunta e morosità accumulate agli atti del comune).

Mi dispiace citare in causa anche il nuovo direttivo ma per dovere di cronaca devo dire che qualcuno di loro era presente anche nel vecchio direttivo e qualcun altro era presente anche all’interno dell’Amministrazione Comunale con compiti di vigilare e lavorare come stiamo cercando di fare noi di PROGETTO COMUNE.

Nessuno vi ha attaccato poi in merito alla ricezione di soldi (una lira e/o un euro) ma se meritevoli di contributi ben vengano questi concessi. Purtroppo, quelli a voi concessi negli anni, sono serviti a poco e ne cito qualcuno (euro 1.600,00 qualche anno fa – euro meno e/o euro in più) euro 2.000,00 quest’anno, nel mese di aprile poco prima della campagna elettorale.

Cosa abbiamo risolto con questi contributi? Nulla! Sono serviti solo ad allungare l’agonia del circolo e dei dipendenti.

In merito a “guerre politiche” state tranquilli che non ci sono guerre in atto e qualora ci fossero nessuno intende trascinarvi nel campo di battaglia. Sono solo in atto azioni per ristabilire la legittimità in merito all’utilizzo della struttura. Questi sono i fatti documentati. Le parole da Bar le lasciamo agli altri.

Visto che ad oggi la questione era rimasta nell’ambito della dialettica politica (se pur dura), tale doveva rimanere, per cui ci dispiace, rivolgerci ad altri Enti Istituzionali (Corte dei Conti) per avere risposte in merito alle spese sostenute dall’Amministrazione per il Circolo in questi anni.

Ci dispiace che continuino ad uscire comunicati stampa non per giustificare errori commessi, che comunque possono accadere, ma per attaccare la minoranza la quale è legittimamente impegnata sulla questione nell’ambito del proprio mandato elettorale ottenuto dalla cittadinanza (eliminare gli sprechi e investire al meglio le poche risorse pubbliche a disposizione nel rispetto delle regole).

Cordiali saluti.

Francesco Feniello

Capo Gruppo Consiliare Progetto Comune

12